20210819-1838
Asko Korpela: MyeBooks Reviews in Language order
Menu o Time order o Genre order o Book order o Language order
AjkPaperBooks:
123 o abc o lan o gen
I usually write the summary in English and use Google Translate for other languages. Expose after correcting the machine language blunders. G translates excellently not only into and from Finnish.
01. English 19402. Estonian 1003. Finnish 15404. French 905. German 1006. Hungarian 25
07. Italian 1708. Polish 509. Portuguese 410. Russian 9611. Spanish 1412. Swedish 12
Reviews Total 550

MyeBooks Reviews in Italian

1. Balbo: Della Storia d'Italia - Troppo dettagliato per me
ita
877202101064*
2. Ferrante: Storia del nuovo cognome - Una porzione di spaghetti
ita
480201710184*
3. Follett: I giorni dell’eternità - Un altro Follett preferito
ita
1428201909075*
4. Follett: L’inverno del mondo - Un'altra classe Nobel Follett
ita
958201905035*
5. Follett: I pilastri della terra - Un capolavoro di narrazione
ita
1030201811275*
6. Harrer: Sette anni in Tibet - Una società di alto livello di pace
ita
302201605125*
7. Hosseini: Il cacciatore di aquiloni - Al confine di tollerare
ita
362201702135*
8. Piketty: Il capitale nel XXI secolo - Una pietra miliare di Economia Applicata
ita
946201704145*
9. Schopenhauer: Il mondo come volontà e rappresentazione - Un capolavoro gioioso
ita
462201611105*
10. Shestov: L’idea di bene in Tolstoj e Nietzsche - Lev Šestov: L’IDEA DI BENE IN TOLSTOJ E NIETZSCHE
ita
166201510283*
11. Shestov: L’idea di bene in Tolstoj e Nietzsche - Tolstoi, Nietzsche e Shestov
ita
166201510283*
12. Strukul: I Medici. Una dinastia al potere - Lettura pesante per un amico della storia
ita
342202112324*
13. Strukul: I Medici. Un uomo al potere - Leonardo (da Vinci) come salvagente
ita
337202107044*
14. Strukul: I Medici. Una regina al potere - Caterina de'Medici
ita
325202107114*
15. : Decadenza di una famiglia - Il Fiume Po potrebbe finire nella sabbia del deserto?
ita
386202107254*
16. Verga: Mastro-Don Gesualdo - Non è stato d'ispirazione
ita
422201806142*
17. Zaidi: Una breve historia de Islam - Un libro informativo
spa
100201702184*
1. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: ita

Cesare Balbo: Della Storia d'Italia****

Troppo dettagliato per me

Mi sembra che Balbo abbia sviluppato un suo linguaggio con una sua raffinata scala espressiva, non potendomi seguire fino in fondo. La mia risposta è stata come al solito in questo tipo di dilemmi: lettura rapida. Forse la mia velocità media di lettura è stata di circa un secondo per uno schermo di 14x50 = 700 caratteri.
Ma verso la metà di questo libro, ho sperimentato un Heureca per un grosso problema tecnico: ho trovato una nuova misura di posizione! D'ora in poi la mia misura è una loca composta da 10 località. La conseguenza pratica: ogni volta che vedo la location come un segnalibro, scrivo il suo valore arrotondato o troncato, cioè loca nelle mie note, dovendo quindi scrivere solo un decimo di tutte le cifre, il che significa un enorme risparmio di tempo e fatica nelle note per i miei MyeBooks cronologia della mia lettura! Quindi inoltra nessuna lamentela per il goffo Kindle. Tuttavia, quando o se riprendono oppure no i sensi e iniziano a usare l'epage come segno di posizione al posto della loro location completamente stupida!
Forse cento epage = 200 locas dopo ho sperimentato un'altra Heureca, più piccola della prima, però. Finora con l'indice avevo calcolato noiosamente su una prima riga di uno schermo dall'aspetto medio il numero di caratteri e con lo stesso metodo il numero di righe sullo schermo ottenendo così la dimensione dello schermo in caratteri e prendendo 2000 caratteri per un'epage ottenendo così la misura adeguata per il mio avanzamento nella lettura di un libro e per qualsiasi unità di tempo da un giorno alla mia lettura per tutta la vita. Heureca: perché non dipingo semplicemente uno schermo e lo trasferisco al mio vero amico traduttore di Google. Mostra sempre il numero di caratteri da tradurre, avendo il limite massimo di 5000 caratteri o 2,5 pagine alla volta. D'ora in poi nessun calcolo delle cifre con l'indice ma rivolgendomi ai servizi del grande G.
Così Balbo diventa il mio eroe da ricordare fino alla fine della mia storia di letture, ovviamente non molto avanti, a causa della mia attuale età di 83 anni. Balbo merita in un modo indiretto il numero di quattro stelle!
2. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: ita

Elena Ferrante: Storia del nuovo cognome****

Una porzione di spaghetti

O una congregazione dei prati era la prima impressione obbligatoria di questo libro. Un enorme numero di persone e un imbroglio completo di relazioni tra loro. Avrei veramente dovuto leggere la presentazione dei personaggi presenti in questa storia, ma lo considerò troppo lunga. Solo dopo aver finito il libro ho letto la eccellente lista. Infatti, ho a volte desiderato che gli autori avrebbero l'abitudine di dare uno all'avvio del libro. Questa è la prima volta che lo incontro. Particolarmente i grandi classici russi avrebbero bisogno. In questo caso ancora di più. Ed è lì. Un elenco di dieci famiglie e altri due gruppi di persone presenti in questo ruscello. Ognuno comprende circa 5 persone, pertanto complessivamente più di 50 persone. Vero, hanno differenti caratterizzazioni, ma all'inizio è impossibile distinguirle.

Il novanta per cento delle pagine dall'inizio è questo lotta di identificazione. Tutti sembrano avere contatti con tutti gli altri. Aggiungendo alla confusione che i primi nomi sembrano essere scelti in modo da non sapere se maschi o femmine. È una caratteristica speciale di questo libro. Nell'ultima parte del libro, questa confusione scompare, sia perché il lettore diventa gradualmente familiare e perché la storia si rivela più concentrata. A proposito alle pagine 200 ero così irritato da questo supermercato di rapporti principalmente sessuali che avevo deciso che cinquanta pagine sarebbero state sufficienti per raccontare questa storia e che potrebbero essere assegnate al massimo tre stelle, ben intitolato qualcosa di cambiamento dell'ultimo o cognome.
Ma poi, sorprendente, alla fine è stata aperta una visione completamente coerente. Insieme a una nuova famiglia di quattro persone. E il narratore della propria vita è emerso dalla folla, per così dire. La storia si è rivolta a una biografia di un autore di successo con tutte le aspettative che cominciano ad essere soddisfatte. Come se l'autore avesse avuto in realtà una storia di circa 50 pagine, ma aveva bisogno del resto per raggiungere la misura di un libro commerciabile. Ancora non riesco a sbarazzarsi di questa sensazione. Ma a causa di questa fine superba e di linguggio molto colorato in tutto da parte dell'autore, da parte mia sono quattro stelle.

3. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: ita

Ken Follett: I giorni dell’eternità*****

Un altro Follett preferito

Già prima di aprire questo libro, dopo averne letto altri quattro, conoscevo il numero di stelle che avrei dato a questo libro dopo averlo letto. E non sono rimasto deluso. Né mi pento di aver pagato il quadruplo del prezzo rispetto ai miei libri in media. Follett è puro divertimento dalla prima all'ultima pagina. Nessuna domanda al riguardo. Puoi aspettarti solo quali curiosità inventa questa volta. Vi sono, in verità, certe stereotipie ripetute, ma sarei presto deluso non trovandole che incontrandole in tutti i suoi libri.
Molto amore, sia in senso spirituale che fisico. Un maestro di entrambi, un sovrano di quest'ultimo. Il suo segreto è, a mio avviso, un buon gusto ineccepibile. Un'altra particolarità: Follett è in grado di scrivere 1500 pagine, come in questo caso, senza ricorrere alle pistole o quasi senza ricorrere alla violenza. Quest'ultima per me una condizione sine qua non.
Questo libro è, nonostante il suo titolo effimero, forse l'unica espressione effimera in tutto il libro, un'eccellente storia dell'umanità tra il sorgere e abbattere il muro di Berlino della vergogna tra noi esseri umani. È solo molto curioso che io sia stato due volte a Berlino, l'ho lasciato due settimane prima del primo evento del 1961 dopo due mesi di presenza e un paio di mesi prima della caduta del muro nel 1989. Entrambi coincidono, non c'è alcun collegamento reale con questi eventi fatali. Follett racconta cosa è successo a me e a tutti gli altri tra questi pilastri della storia mondiale. In modo affascinante, a livello privato, medio e alto della società e di diverse nazioni chiave.
Questa volta non entrerò nei dettagli degli eventi, in parte a causa della molteplicità di essi. Solo menzionando che le persone chiave di altissimo livello sono curate nei minimi dettagli, Chruschev, Kennedy e alcuni altri. E nonostante ciò, Follett ha il coraggio di mantenere nella sua prefazione il solito capro espiatorio che tutti i nomi e gli incidenti sono puramente casuali, nessuna connessione al reale. Meglio così, così in profondità sotto la pelle e così sensibili livelli tocca lui! Differenze caratteristiche spirituali dei altissimi leader sovietici e una relazione da camera spaventosamente audace ma così comprensiva di Kennedy lui tocca. Lo stesso approccio è valido nei rapporti del livello esecutivo delle principali società nazionali russe, tedesche, britanniche e americane, toccando di tanto in tanto alcune altre.
Tutto sommato, quest'uomo vale un doppio Nobel, uno in letteratura e l'altro in attività per la pace tra le persone. Nessuna domanda a parte cinque stelle su cinque come valutazione di questo libro.

4. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: ita

Ken Follett: L’inverno del mondo*****

Un'altra classe Nobel Follett

Ho deciso fermamente: libri di guerra non leggerò. L'inverno del mondo di Follett, una profonda descrizione del destino del pianeta nel 1933-1949, non lo è un libro di guerra? Sì, in parte, ma supera ampiamente i limiti tipici del libro di guerra. È molto più di un semplice libro di guerra. È un libro di guerra a livello familiare che attraversa i fronti con grandi salti da Mosca a Berlino, a Londra, a Washington, e piccoli passi anche altrove. Non solo a livello di famiglia, ma anche al più alto livello governativo e al livello "professionale" in esecuzione.
Il mio interesse si sta spostando sul livello della famiglia di base, qui e sempre. Per me è una scelta deliberata nell'attuale mondo globale, frenato dallo sviluppo tecnico della comunicazione. In quegli anni d'inverno congelati il ​​mondo era piuttosto un inferno, lontano dall'unità globale. Al contrario, profondamente diviso in due fronti - e tre parti: Oriente, Occidente e Fascista Medio. Ma il mio livello familiare preferito era onnicomprensivo, poi come ora. Per mia soddisfazione, questo sembra essere anche il livello preferito dall'autore, anche se sembra dominare sovranamente anche gli altri due. Nella mia lettura c'è una netta differenza tra questi tre livelli. Al livello più alto del governo, non posso evitare un vivo interesse, a causa dei fronti chiari e semplici. Non ho alcun interesse per il livello del middle executive. Così, leggendo le libri di migliaia di pagine di Follett, ho sviluppato la mia capacità di lettura rapida, l'intero schermo di dodici volte sessanta caratteri in uno o due occhiate. A livello familiare preferito, è disponibile sia per la lettura rapida, sia per la lettura rapida di parole per parole e per il divertimento lento. Rapido, di non superare il testo non interessante, ma a causa del capolavoro dei dialoghi dell'autore a breve termine. Oh, come li amo!
Un'altra caratteristica tecnica rara è lodevole in questo libro: la lunga lista di persone, solo per famiglia come è il mio interesse. Tuttavia, l'elenco è così lungo che nessuna speranza lo apprende. Inoltre non c'è bisogno urgente, piuttosto di godersi il testo evento per evento, il flusso quotidiano così come i due scoppi d'allarme dell'autore far l'amore e la violenza spietata, quest'ultimo a volte così disgustoso che il desiderio di interrompere la lettura quasi vince. Per fortuna no, però, sapendo che ci sono provi grandi soddisfazioni, presto e dopo aver letto l'ultima pagina. Vero questa volta come sempre.
Nessuna esitazione nel dare cinque stelle complete, segnandole agli appunti già all'inizio. L'unica caratteristica irrazionale di questo libro è stata la mancanza di informazioni sul margine inferiore riguardo ai progressi della lettura. Ma sorpresa: scaricato un altro libro, Theroux's Wilden, trovando queste informazioni esattamente nella forma come gli ho suggerito io nel mio recente feedback fino a numeri di pagina invece di posizioni maldestre. E dopo, hocus pocus: poì l'informazioni sul progresso anche in L'inverno, ma il vecchio con le posizioni al posto delle pagine. Anche quello meglio di niente. E zucchero sul fondo, il pulsante con l'offerta del prossimo Follett, 'I giorni dell'eternità' in consegna spudorata, così veloce che immagino che sia stato effettivamente consegnato in anticipo, aspettando solo la mia accettazione, che mi ha preso dopo avendo letto l'anno di inizio pieno di speranza del 1960. Qui Follett sembra superare il suo limite normativo, la lunghezza del libro è di circa 1500 pagine!

5. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: ita

Ken Follett: I pilastri della terra*****

Un capolavoro di narrazione

Ken Follett: I pilastri della terra (A Column of Fire)
Gestione completa di un'ampia varietà di intrighi.
Diversi livelli di intrighi. Gerarchia di livelli di intrighi. Durante la lettura impossibile seguire tutti i livelli di intrigo. Livello principale: eroi intimi della storia nel loro ambiente sociale e fisico. Livelli sussidiari: alta società di nobili e religiosi, autorità locali, attività locali
Quando si legge il corso del livello principale si coglie un'attenzione completa al flusso del testo, memorizzando la catena di eventi, la facile lettura e il pieno godimento di un testo ben formulato.
Quando si legge il flusso di intrighi sussidiari, è impossibile e non necessario partecipare completamente al flusso della narrazione, senza interesse, possibilità di applicare una lettura veloce a circa il doppio della velocità di memorizzazione completa.
Chiara distinzione tra persone buone e cattive e eventi e battaglia tra loro che causano la tensione degli intrighi. Il lettore che si aspetta la preponderanza del bene sul male sta vivendo gravi delusioni. L'autore sembra essere pienamente consapevole delle aspettative del lettore, descrive gli eventi in dettagli esagerati portando la sensazione di acclamazione e disgusto a misure estreme. Questo sembra essere il segreto della popolarità dell'autore. Ma allo stesso tempo la chiave del disgusto del lettore verso il potere esagerato e l'apparenza del male. Penso: nella misura in cui questo autore non appare nella lista dei pretendenti al premio Nobel per non parlare dei vincitori! Nel mio caso causa la mia oscillazione tra la valutazione di quattro o cinque stelle. A metà lettura era impossibile prevedere il risultato. Alla fine: non c'è dubbio di dare tutte e cinque le stelle. Un grande merito è l'affascinante modalità di narrazione che utilizza una grande varietà di sfumature modali e temporali. Quale potrebbe essere la parte del traduttore, ovviamente eccellente, il cui nome non ho trovato pubblicato con mio grande stupore.

6. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: eng

Heinrich Harrer: Sette anni in Tibet*****

Una società di alto livello di pace

Non si tratta solo di alto livello in metri, ma anche nella dignità umana, benchè diversa dalla nostra. Questo è il messaggio principale di questo libro completamente straordinaria. Sono grato al mio mentore letteraria e compagno di classe Viljo, che divenne per coincidenza 80, quando ho finito il libro. Avevo letto di Heinrich Harrer Sette anni in Tibet come uno dei miei primi libri in inglese per circa 60 anni fa. Il ricordo della prima lettura rimasto vivo per molto tempo, molte idiosincrasie particolari fino ad oggi. Quindi, a partire da questo libro sapevo cosa aspettarmi. Ma non mi ricordo, per quanto tempo fisicamente era il viaggio dagli artigli di guerra alla culla della pace: neve, ghiaccio, sentieri di montagna sdrucciolevoli, a piedi, in yakback, senza soldi, senza cibo, molte volte solo tè al burro come la nutrizione .

Alcuni terza parte del libro è dedicata alla descrizione dettagliata del viaggio fuggitivo dall'India al Tibet, finalmente a Lhasa, la città sacra. Per fortuna la burocrazia non era a tenuta stagna e c'era il camuffamento di pellegrinaggio e buio della notte per proteggere il viaggio attraverso il paese e la società del Tibet. Harrer con il suo compagno sono stati salvati, ma il paese pacifica del Tibet è stata semplicemente ingoiato, carne ed ossa, dal campo di guerra tumultuoso della Cina. È ancora, ma non completamente digerito in 70 anni
Harrer, in vece, è stato completamente digerito dalla società pacifista del Tibet. Non ultimo dalla fitta rete di contatti a livello personale. Anche se per noi la gerarchia e regole della società hyperreligiosa e paternalistica rigorosa sembrano completamente impenetrabile. La chiave di questo enigma è stato rispetto reciproco.nobeaci può solo pensare che Harrer avrebbe cercato di convertire i tibetani a più sviluppata wiew occidentale del mondo e il cielo. Nemmeno tibetani detestano più profonde convinzioni di Harre dell'esistenza spirituale. Invece erano estremamente curiosi delle tante piccole invenzioni pratiche delle culture occidentali. In un momento ci fu, per esempio, una sola auto in tutto il paese. Naturalmente è servito esclusivamente il lleadership religiosa livello superiore, il Dalai Lama. Dalai Lama, allora un giovane età adolescente, è ancora tra noi come una delle più alte personalità umane rispettati, premio Nobel, si è rivelato un tecnico di grande talento, particolarmente interessato alla fotografia e cinema. Queste cose pratiche marcatamente trasportate ad un profondo rispetto personale e di amicizia tra il Re Divino di Dalai Lama e il campione olimpico austriaco Heinrich Harrer.

Ma, come detto già, potere presto sopraffatto pace e serenità. Dalai Lama fu costretto a lasciare il suo paese. Harrer lo ha fatto volontariamente, ma con malinconia. Questo libro sarà certamente sopravvivere a lungo con la memoria spirituale dei suoi eroi come testimonianza della dignità di una società e la cultura pacifista. Nessuna domanda circa il numero delle cinque stelle.
7. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: ita

Khaled Hosseini: Il cacciatore di aquiloni*****

Al confine di tollerare

Come ci si sente ora? - 'Lrlajulta' (violento) ha risposto Onni, con naso colato il ragazzino. Lo mismo certamente ieri, volato dalla sua casa, dalla Finlandia in Australia come l'autore di questo libro, volando dall'Afghanistan in America. Violenta emozione si sente anche il lettore di questo libro dopo di lettura. Si muove al confine di tollerare.
Qui, oggi, sta attraversando un idilliaco rispetto a ciò che questo libro descrive in due livelli: la vita umana all'interno dell'uomo facendo volare l'aquilone e l'ambiente in che volerà il suo aquilone.
Sorprendente è visto da un rifugio sicuro la intransigenza del margine che attraversano. Relativo a due figli della stessa madre, l'uno del padre legale, hazara, un servo e un abitante di capanna di fango, l'altro patrone di servizio e residente della casa prpria. L'uno ucciso senza vita e l'altro mezzo morto, da una terza parte alzato alla posizione di potere politica. Hassan, infatti da quando era un ragazzo si è rivelato un fratellastro dell'autore di questo libro, è il servo del autore, fedele fino alla morte senza compromessi. Nonostante le missioni differenti i ragazzi sono migliori amici e squadra invincibile per volare gli aquiloni. Meglio-pezzo ottiene un trauma per tutta la vita, ingannando suo servitore bloccato da tre hooligani.
Percorsi di boys sono diversi da parte dell'autore del libro quando la sua famiglia va emigrare in America. Ma il narratore non può uscire di rimorso, ma alla fine va prendere il nipote dalle grinfie dell'ambiente crudele. Ma non sarà gratis. Viene picchiato davanti ai occhi di ragazzino e lui a malapena a escapar con il orfano ragazzo in America. Il ragazzo da tutto questo, e, soprattutto, da un tradimento della promessa di suo nuovo padre fa un atto disperato. Entrambi eroi naufraghi di questo libro, tuttavia, ricevano un sangue che sgorga mano con il filo dell'aquilone e al figlio muto gli angoli della bocca amara cambiano al sorriso della speranza.
Il libro conquistatore del mondo, per suo contenuto fresco amaro, senza dubbio, vale cinque stelle.
8. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: eng

Thomas Piketty: Il capitale nel XXI secolo*****

Una pietra miliare di Economia Applicata


Capitale nel XXI secolo da Thomas Piketty tratta di un libro davvero eccezionale. Le prestazioni di Piketty non può che essere non inferiore rispetto a quella di Adam Smith come il fondatore della disciplina economia e lo studio di economia di mercato e JM Keynes come l'iniziatore di considerazioni macroeconomiche genuini nella formulazione delle politiche di governo.

Ora arriva Piketty da nessuna parte a piena luce con il suo trattamento di disuguaglianza nella distribuzione del capitale globale e di reddito. Il suo studio è basato su vasto mondo di dati e due secoli di sviluppo con piena consapevolezza della adeguatezza e limitazioni dei dati disponibili. Ha diviso il mondo in una mezza dozzina di regioni con differenti caratteristiche dei loro stadi di sviluppo economico. Grande merito di Piketty è che egli non esita a presentare idee per l'ampia gestione mondiale di questa disparità di rendimento del capitale e la crescita della produttività. Tutto a vantaggio della stabilità economica mondiale. Ammirevole è la sua chiarezza di presentazione e perspicacitá dell'enorme quantità di dati che sta usando.

Piketty se qualcuno per il suo contributo pionieristico nel presente avviso più analisi e la gestione dei processi economici fondamentali anche merita i premi più apprezzati del settore.

Come representante della formazione professionale, ritengo della massima necessità pratica che un abbreviato a un terzo o un quarto edizione di questo volume essere preparati per scopi didattici nel primo livello, preferibilmente da Piketty se stesso. L'oggetto di questo studio è di urgenza primaria per gli economisti future, ma questo libro è abbastanza troppo ampio per essere usato come un libro di testo normale per gli esami.

Anche i concetti di base di questo studio dovrebbero essere trovati in Wikipedia per essere facilmente e costantemente riferimento per la lettura del testo. Al momento sorprendentemente non è questo il caso. In attesa, copiando dal libro di possedere appunti esteso è un pezzo pratico di consigli.

Nessuna quantità di stelle è troppo grande per questo libro del tutto eccezionale, sia per i suoi meriti in leggibilità e l'importanza della materia di trattati, cinque stelle sembra troppo poco.

9. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: ita

Arthur Schopenhauer: Il mondo come volontà e rappresentazione*****

Un capolavoro gioioso

"Filosofia è una scienza, e di conseguenza non rientra nell'ambito delle credenze; di conseguenza essa non può essere assunto come essere, se non ciò che è o empiricamente confermata o dimostrata inconfutabilmente per conclusioni". Così, a mio parere, è citato Schopenhauer giustamente nella Wikipedia.
Secondo la stessa fonte di informazioni: Schopenhauer scrisse la sua opera principale Die Welt als Wille und Vorstellung (Il mondo come volontà e rappresentazione), ad appena 30 anni d'età. Un anno e mezzo dopo la comparsa del libro non fosse stata venduta ancora nessuna copia! Ecco il cuore del lavoro secondo l'autore:
"Il mondo della rappresentazione, che io ho indicato come oggettità, specchio della volontà."
E qui i risultati di tutta la sofisticazione:
"Noi vogliamo piuttosto liberamente dichiarare: quel che rimane dopo la soppressione completa della volontà è invero, per tutti coloro che della volontà ancora son pieni, il nulla. Ma viceversa per gli altri, in cui la volontà si è rivolta da se stessa e rinnegata, questo nostro universo tanto reale, con tutti i suoi soli e le sue vie lattee, è - il nulla."
Me piacerebbe veramente tradurre l'intera opera. Potrebbe diventare difficile, ma è pieno di veri ossequi reali.
10. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama

Lev Šestov: L’idea di bene in Tolstoj e Nietzsche***

Lev Šestov: L’IDEA DI BENE IN TOLSTOJ E NIETZSCHE

Filosofia e predicazione A cura di Andrea Oppo Traduzione di Bachisio Oppo e Andrea Oppo
11. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: ita

Matteo Strukul: I Medici. Una dinastia al potere****

Lettura pesante per un amico della storia

La narrativa con un background storico è la mia lettura favorita. Questo romanzo su Medici di Strukul è proprio questo. L'autore è una nuova conoscenza per me, ma raggiunto da primo colpo lo status più alto sulla mia scala: pronto a leggere un altro Strukul. Tuttavia, non senza alcune osservazioni sbeganti sui mezzi con cui si raggiunge lo status. Prima di tutto lo stile stesso del testo. Ben presto ho notato: questo è molto, molto vicino a Ken Follett. Così vicino che non posso evitare di chiedere: uno di loro è imitatore dell'altro, ma chi?. Ecco perché ho letto attentamente il capitolo di Ringraziamenti. Nessun accenno a Follett. Follett menzierebbe Strukul come suo modello o esempio? In caso contrario, un caso di sopprimere le informazioni essenziali, relative alla menzogna! Sia in modo esattamente stesso presentano i solidi fatti storici, proprio allo stesso modo portanto a personale, così dire al livello capezzale, descrizione dettagliata dei rapporti sessuali, tra cui la tenerezza e la violenza. Un mezzo senza dubbio efettivo per risvegliare un lettore addormentato! Un'altra osservazione beffardo, notato leggendo i Ringraziamenti: Follett mancante, ma se non più di duecento persone menzionato allora nulla. Strukul sembra non essere solo scrittore, ma anche un uomo di mercato, assicurando una massa di lettori e sprider di buona parola su se stesso. Un modo economico, ma non di tan buona degustazione di promozione.
Ma tutto sommato, un testo ottimo e convincente sulla famiglia dei Medici e sul tempo intorno al 1450 Italia ed Europa, senza dimenticare i due eventi più notevoli dell'epoca: il Pest, epidemia, che colpisce così stiventemente il nostro tempo. Non potevo lasciare ripetere in Facebook la descrizione di Strukul della rapida diffusione della malattia. L'altro evento storico notevole è la separazione finale di Roma e il credo bizantine, il disaccordo ricordato dall'unica parola: filioque circa l'ordine di marcia di Padre, Figlio e Spirito Santo.
Molto godendo, in ordine crescente verso la fine, anche della chiara lingua italiana, ma dovunque mostrando il posto dietro Follett, quattro stelle sembra proprio la giusta valutazione.
12. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama

Matteo Strukul: I Medici. Un uomo al potere****

Leonardo (da Vinci) come salvagente

Straordinariamente molti punti di vista riguardo a questo libro di Medici 2. Leggendo le prime 50 pagine circa, ho pensato: questo è impossibile, un tale falò di parole e modi di dire non comuni (e superflui) come se l'autore soffrisse di un sentimento di inferiorità e in questo modo volesse compensarlo, dimostrando di essere versatile competente. Forse anche lui non sapendo come iniziare questo grande reportage... Poi a poco a poco ho perso questa sensazione inquietante. Successivamente, mi sono stufato dell'ambiente sociale di alto livello, molto al di sopra del normale cittadino di base. Circa cinque anni fa ho deliberatamente scelto per me stesso il ruolo di un semplice cittadino del mondo pacifista di base. Un'altra polemica con il mondo di questo libro: infiniti intrighi e conflitti armati e guerre. Non sono interessato.
Ok, allora cosa mi interessa? - Ogni giorno le relazioni umane e la vita, è aspetti pratici, storici e filosofici. Questa esigenza è stata poi progressivamente soddisfatta quando queste persone di alto livello hanno iniziato a essere descritte nelle loro relazioni più intime. In questo senso ok i rapporti di Lorenzo nel suo matrimonio e il vero amore così come la vita familiare e il ruolo di cane da guardia del papa per le informazioni sui Medici e Firenze. Così anche il rapporto umano tra il papa di altissimo livello e suo nipote.
Ma quello che mi è piaciuto molto è il contatto umano in prima persona con il più grande genio di tutti i tempi, Leonardo da Vinci. Ai miei occhi, diventa il salvagente di questa stessa storia. Non a caso o non voluto dall'autore. Al contrario: Leonardo è lasciato fuori da ogni intrigo e polemica. La sua genialità è dimostrata da alcuni esempi pratici, infine dal suo sogno sulla capacità dell'uomo di volare all'aria aperta. Questo anche in modo fortificato: questo sogno è per lui più importante del sogno della società e della vita con amore e pace. Ho quasi sorriso al trucco deliberato di questo autore presentato alla fine del libro. Certo, non così in generale, ma perché no nella mente del grande genio di Leonardo. Un altro aspetto convincente e di conseguenza presentato di Leonardo è la sua indiscussa fiducia nella natura come base della vita e di tutta la scienza.
Ancora da menzionare è il mio interesse più grande per questo libro così come per tutti gli ebook letterari, l'apprendimento delle lingue, il non sapere, ma l'apprendimento; dura ormai da quasi 80 anni. E ahimè! Sebbene abbia fatto alcune osservazioni amare all'inizio di questa recensione, sono molto soddisfatto in tutto. Ho notato una miriade di parole, espressioni e modi di dire. Qui per la prima volta ho usato il tag del dizionario Kindle sia per una ricerca molto rapida che per la possibilità di copiare il testo negli appunti nelle mie note. G-translator è sempre stato il mio strumento più importante, ora anche un'altra novità per me: Grammarly. Un'invenzione del tutto incredibile. Speriamo presto disponibile anche in altre lingue oltre all'inglese.
A causa della soddisfazione descritta nell'ultimo paragrafo, il mio giudizio su questo controverso libro è di quattro stelle, non lontano da tutte e cinque.
13. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: ita

Matteo Strukul: I Medici. Una regina al potere****

Caterina de'Medici

In questa terza parte della storia medicea di Strukul, l'idea principale non è più il potere della famiglia, l'ascesa o l'estensione di essa, ma i rapporti interni alla famiglia, soprattutto dal punto di vista della Grande Madre Caterina.
L'autore è riuscito ingegnosamente a descrivere la tragica polemica di Caterina che vive il calore dell'Amore, ma essendo tuttavia il radiatore centrale del calore dell'Amore. Ciò è reso possibile dalla lealtà indiscussa senza profumo appassionato di tre uomini importanti, suo marito Enrico, re di Francia, Raymond de Polignac, capitano della quarta compagnia picchieri del re di Francia, e il suo mentore spirituale Nostradamus, tutti limitati dalle loro alte posizioni sociali. Ma un fattore decisivo, per come la vedo io, sono i rapporti di Caterina con le due amanti di Enrico: Diana e Lucrezia. Il rispetto reciproco è mantenuto dall'atteggiamento reticente di Caterina. Cos'altro potrebbe fare, per come lo capisce? Questo atteggiamento le assicura la strada gloriosa e la posizione, di cui gode Catarina fino alla fine della sua vita, degna di questa grande storia.
Il miglior esempio di questo equilibrato trattamento dei rapporti interpersonali è la descrizione della situazione in relazione alla morte del re Enrico.
Per i motivi descritti nelle mie recensioni delle parti precedenti di Strukul dei Medici, principalmente il livello sociale dell'argomento, questa terza parte della storia non raggiunge le cinque stelle come mia valutazione, ma merita bene le sue quattro stelle, senza dimenticare il mio obiettivo principale, imparare le lingue leggendo ebook con il magnifico aiuto della tecnologia moderna.
Deplorando la continua mancanza di successo nel trasmettere i miei suggerimenti di miglioramento a Kindle, mi permetto di allegarli qui:
1. Rimproveri severi ai redattori del Dizionario Zingarelli per l'impossibilità di separare l'articolo apostrofofato all'inizio di una parola. Si può fare o delimitando il testo in painting o all'inizio della ricerca. l'uccello da 'parola di ricerca sconosciuta'.
2. Elenco delle persone presenti urgentemente necessario come è consuetudine negli spettacoli teatrali
3. TOC fornito con i numeri di pagina davanti ai collegamenti.
14. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: ita

Matteo Strukul: Decadenza di una famiglia****

Il Fiume Po potrebbe finire nella sabbia del deserto?

Questo flusso di storia medicea e italiana lo fa. Questo possente flusso scorre forte ma non contiene mai acqua fresca di montagna, né plaghe tranquille sulle sue lunghe rive. Principalmente fanghi fangosi trasmessi più trascinando intrighi che soffiando vento fresco e territorio in pendenza.
Tuttavia quest'ultima parte, così come le tre precedenti, hanno la loro attrazione per il lettore ingegnosamente suddivisa dall'autore Matteo Strukul.
Il sapore della zuppa viene in parte dalla zuppa stessa in parte buttato dall'esterno. All'interno ci sono personalità forti, non solo uomini forti come Cosimo e Lorenzo, ma anche donne eccezionali di diverse generazioni come Caterina e Maria all'interno della famiglia e diverse regine delle camere da letto dei Medici.
Ma per me la più grande impressione è stata il deliberato trucco dell'autore di introdurre nel grande flusso di due eroi del tutto innegabili della storia umana. All'inizio il quindicenne Leonardo da Vinci e alla fine il grande pittore Rubens. Questi due sono presentati come grandi spiriti liberi da intrighi di base e relazioni amorose discutibili. Non sono solo menzionati, ma intrecciati adeguatamente alla storia. Vengono presentate anche alcune delle idee rivoluzionarie di Da Vinci come quella del veicolo volante umano. L'intera storia è conclusa da Maria de' Medici che è in tenero abbraccio del Maestro Rubens. Nella Nota dell'autore l'autore spiega le parti relative di fatto e finzione in questa storia.
Alla fine di questa come di tutte le altre parti della tetralogia c'è una bibliografia convincente, in parte di fonti molto recenti. Ma poi c'è un elenco gigantesco di riconoscimenti meno convincente, come se fosse preso dal libro di famiglia di anni di feste casalinghe e funerali di un uomo ricco. Non c'è da stupirsi che l'autore si scusi di alcune possibili omissioni e prometta rimedio nel prossimo libro.
Per me queste 1600 pagine sono principalmente un nuovo corso di lingua italiana con un vocabolario incredibilmente ricco. Non c'è modo di cercare tutte le parole sconosciute nel Vocabolario della Lingua Italiana Zingarelli e le espressioni in altre fonti. A proposito, in Zingarelli c'è un difetto molto grave, ma facilmente correggibile: nessun modo di cercare una parola con l'articolo apostrofato 'l'autore' dà 'parola di ricerca indefinibile'. L'articolo dovrebbe essere possibile separare dalla parola alla pittura del testo o essere separato dal dizionario all'inizio della ricerca.
Sebbene si leggessero con incrollabile interesse, c'erano diversi passaggi con una travolgente marea di testo su contenuti eccessivi, poco interessanti e apparentemente irrilevanti. Il mio rimedio è raddoppiare la velocità di lettura, non omettere il testo. Un altro serio motivo per non dare tutte e cinque ma solo quattro stelle è dalla parte del lettore o da parte mia. Da pasifista convinto non mi piacciono le guerre e la violenza o l'approccio 'realistico' in generale. Ken Follett vince nettamente Matteo Strukul.
15. Book ita, summary: ajkNotes, available: ama, review: ita

Giovanni Verga: Mastro-Don Gesualdo**

Non è stato d'ispirazione

Se avessi ricordato o avessi guardato i miei appunti scoprendo che avevo dato zero come una valutazione per l'altro libro di Verga, I Malavoglia, nel 1989, probabilmente non avrei affatto iniziato questo libro. Una volta iniziato ho deciso di continuare nel nome dell'esercizio linguistico. Ma anche a tale riguardo questa è stata una delusione. In nessun altro libro tante parole sconosciute dall'interprete di Google come in questo.
Posso solo confrontare questo libro con un altro lavoro classico che per me è stata una delusione, cioè Ulisse di Joyce. Entrambi mi sembrano esercizi di snobistisena con stili: un capitolo semplice e comprensibile, un altro così lontano dai normali discorsi di tutti i giorni, o forse solo quello, ma troppo lontano dal lettore presente che è sorto indignazione invece di simpatia nei confronti dell'autore.
L'eroe, Mastro-Don Gesualdo, non è presentato come un solito eroe simpatico, ma un egoista antiparticelle si è appena trasferito per raccogliere denaro e proprietà a spese della comunità. Lui sa, come tutti gli altri in questa storia, il prezzo di tutto. Non posso dire il solito "ma non il valore di nulla", perché il prezzo riguarda stupidaggini che non hanno valori reali. Solo un capitolo riguardante un incendio nel quartiere, potrebbe diffondere il mio interesse. La linea generale di questo libro è lo scontro tra classi sociali. Ma questo scontro non è uno scontro tra grandi partiti di abbienti e poveri, spesso Don Gesualdo è solo l'altra parte. Questo contrasto di classe indefinito e incompleto è ben descritto nella lunga introduzione litterari all'inizio del libro di questa citazione: "Verga, che non ha mai avuto idee politiche ben definite, ma è stato molto sensibile alla causa degli umili, approva la repressione delle proteste sindacali dei Fasci siciliani del governo Crispi, segno di un'involuzione conservatrice, si accompagna a un pessimismo crescente: lo scrittore considera infatti l'economia parafeudale del Mezzogiorno ottocentesco come una realtà immodificabile. idee liberali. "
Quindi, in sintesi, la mia valutazione è di due stelle su cinque, zero è riservato per interruzioni indignate e uno per un approccio fraudolento, raro ma non del tutto invisibile.
16. Book spa, summary: ajkNotes, available: ama, review: spa

Hadir Nazar Zaidi: Una breve historia de Islam****

Un libro informativo

Las noticias de los medios occidentales hoy no son muy favorables al islam. De hecho, favorecen la hostilidad y las malas noticias sobre el terrorismo musulmán aquí y el desorden en los países musulmanes. Por lo tanto, una cuestión de información de hecho como esta Una Breve Historia del Islam de Nazir Hasan Zaidi es más que bienvenida.

El autor narra de una manera comprensiva los orígenes de la religión y su camino hasta nuestros días. Al principio es sorprendente, al menos para mí, de alguna manera, un asunto familiar, porque el fundador Mohammad es descrito como un joven miembro de la familia común y también la amplia familia participa y es homenajeado como activistas en este movimiento religioso. Entonces, debido al ambiente áspero, el aspecto de la batalla, incluso ferocidad, llega a ser importante.

Otra cosa sorprendente se describe hacia el final de la historia: podemos pensar que el islam es un movimiento unánime y coherente en medio de un mundo hostil. Pero según el autor, no es así. Por el contrario, no hay un liderazgo u organización central. Ni siquiera los medios de información que abarcan todo, como queda claro cuando el autor menciona las revistas Life y Time como ejemplos a envidiar.

Para un lector genaral como yo, este libro, aunque sólo sea 100 páginas, contiene una cantidad insuperable de nombres, lugares y eventos. Simplemente introduciendo en mi ebook notas una lista de nombres de personas que aparecen en el texto, me desespero y no puedo sistematizarlos racionalmente, por no hablar de recogerlos todos y con una correcta descripción de su significado. Sin embargo, el sentimiento superior es que el autor ha tenido éxito en lo que él pone como su meta al principio: contar la historia basada en hechos en la manera apropiada de la tradición seguida en las obras de la historia.

Cuatro estrellas parece ser la evaluación justa y adecuada de este libro.